Vicenza Unesco

Deprecated: Array and string offset access syntax with curly braces is deprecated in /web/htdocs/www.vicenza-unesco.com/home/libraries/gantry/core/utilities/registry/format/ini.php on line 107

Deprecated: Array and string offset access syntax with curly braces is deprecated in /web/htdocs/www.vicenza-unesco.com/home/libraries/gantry/core/utilities/registry/format/ini.php on line 120

L'Orto Botanico di Padova

Descrizione del sito

CINQUECENTO ANNI DI RICERCA E DI DIDATTICA UNIVERSITARIA

L'Orto botanico dell'Università di Padova fu fondato nel 1545 e all'epoca della sua istituzione, era interamente dedicato alla coltivazione di piante medicinali, che allora rappresentavano la principale risorsa terapeutica ed entravano nella composizione della quasi totalità dei medicamenti. Sussistevano tuttavia allora molte incertezze sull'identificazione di varie piante descritte dagli antichi medici greci, latini ed arabi, per cui frequenti erano gli errori in buona fede e anche le frodi, col conseguente uso in terapia di piante sbagliate, inefficaci e non di rado dannose.
L'Horto medicinale rappresentò non solo un notevole salto di qualità nella didattica, consentendo agli studenti di medicina l'esame delle caratteristiche delle piante dal vivo e facilitando così il riconoscimento delle droghe secche genuine dalle frequenti sofisticazioni, ma segnò anche l'inizio dell'applicazione del metodo sperimentale nel campo della botanica.
L'Orto ha esercitato una profonda influenza nell'ambiente scientifico, sia nazionale che europeo. Per gli studenti stranieri che numerosi frequentavano lo Studio padovano e per studiosi in viaggio in Italia, rappresentò un modello cui ispirarsi per l'istituzione di strutture analoghe nella loro patria. Per questa ragione l'Orto di Padova viene spesso definito come la madre di tutti gli Orti botanici del mondo.

Molti dei botanici che si succedettero nella carica di prefetto dell'Orto furono persone di grande spicco e godettero di stima ed ammirazione per la loro erudizione, tanto che ad essi furono dedicate numerose specie di piante e anche interi generi.
Quello di Padova é il più antico Orto botanico del mondo che abbia conservato l'ubicazione originaria e anche, praticamente inalterata, la sua originaria struttura. Ha inoltre sempre mantenuto le sue funzioni di centro di ricerca scientifica e di strumento didattico, continuamente adeguando queste funzioni alle mutate esigenze imposte, nel corso dei secoli, dal progresso delle discipline scientifiche in generale e di quelle botaniche in particolare.
Fin dalla fondazione, l'Orto fu al centro di una fitta rete di relazioni internazionali, con intensi scambi di piante, semi e di materiale scientifico di ogni tipo. L'Orto divenne un importante centro di studio e di ricerca, all'avanguardia nella coltivazione e acclimatazione di piante esotiche. Fu così che a Padova furono coltivate, per la prima volta in Italia e in taluni casi anche in Europa, piante esotiche oggi molto diffuse perché di interesse ornamentale, lillà, giacinto, gelsomino di Spagna, fresia, alimentare, girasole, sesamo, patata, o perché si sono spontaneizzate in Italia, agave americana, robinia, ailanto. La tradizione dell'introduzione di specie esotiche e degli scambi internazionali non si é mai interrotta e oggi l'Orto intrattiene regolari scambi di semi con oltre ottocento istituzioni scientifiche in tutto il mondo.

CURIOSITA'

Conta oltre quattro secoli (data di impianto del 1585) la pianta più antica dell'Orto Botanico. Si tratta di una palma di S. Pietro, nota come Palma di Goethe perché ispirò al poeta naturalista tedesco in visita a Padova nel settembre del1786, una teoria sulla metamorfosi delle piante.

PRENOTA IL TUO HOTEL A VICENZA

Cerca nel sito

Traduttore automatico

itenfrdeptrues

vicenza-e-cuore-del-veneto

vicenza-patrimonio-unesco

Visita www.vicenzae.org,
il portale turistico di Vicenza
e della sua provincia.

Contattaci

Consorzio Turistico Vicenza è
Via Montale 25, 36100 Vicenza - Italy

Telefono: +39 0444 99 47 70
Fax: +39 0444 99 47 79

Web: www.vicenza-unesco.com

Pagina Facebook